Snow Leopard, prime impressioni

Oggi è finalmente arrivato il cd di Snow Leopard, acquistato in pre-ordine il 25 Settembre e come un bambino col giocattolo nuovo non ho resistito a fuggire dal lavoro per venire di corsa qui a “giocare”. Prima di parlare delle impressioni vi do la configurazione della mia macchina che è:

Nome modello: MacBook

Identificatore modello: MacBook1,1

Nome processore: Intel Core Duo

Velocità processore: 2 GHz

Numero di processori: 1

Numero totale di nuclei: 2

Cache L2: 2 MB

Memoria: 2 GB

Velocità bus: 667 MHz

Hard Disk: 160 GB

Ovvero MB Intel di prima generazione, comprato nel 2006. Il processore Core Duo, con architettura a 32 bit.

La confezione acquistata è quella dell’aggiornamento Leopard -> Snow Leopard al competitivissimo prezzo di € 29,90!!!

snow leopard unpackaged

Faccio l’ultima Time Machine prima di partire per il viaggio di non ritorno, effettuo il rito dell’unpackaging della solita elegantissima confezione della mela, lascio i due leopardi guardarmi dal monitor e si parte.

L’installazione è – come da previsione – di una semplicità disarmante: si inserisce semplicemente il CD, si clicca su “Installazione di MacOS X”, si inserisce la password di amministrazione e via! Il tempo d’installazione è  di 1 ora e qualche minuto e il sistema subisce un unico riavvio in tutto il procedimento di installazione.

installazione di snow Leopard 2

Il prodotto dell’attesa è un tanto simpatico quanto inutile filmato di Benvenuto nel “nuovo” sistema operativo. Alla vista tutto è rimasto uguale. Corro a verificare la veridicità delle favole riguardo ai famigerati 7 Giga e con grosso stupore devo confermare. E’ la prima volta che aggiorno un sistema operativo e risparmio spazio! Qualcuno spieghi a MS il trucco ora 😛

Nonostante il mio MB non possa godere dell’ottimizzazione per i 64 bit,  il Finder risulta decisamente più reattivo rispetto alla versione precedente. Tutti gli applicativi sembrano funzionare e nessun software è per ora stato giudicato incompatibile dal leopardo. Lancio Fugu che chiede se voglio installare Rosetta (2 MB). Ma si dai!

fugu vuole rosetta

Una grossa sorpresa deriva dal nuovo Quicktime X che permette di registrare/aprire video e condividerli direttamente su Youtube/Mobile Me/Itunes. Interessante anche l’opzione taglia.

Inoltre il nuovo sistema integra Exposè all’interno del dock (tenendo premuto il tasto sx del mouse sull’applicativo nella barra) ed incorpora la nuova funzionalità di zoom delle finestre in Exposè premendo il tasto spazio sulla stessa.

Schermata 2009-08-31 a 20.42.26

Una utile miglioria del Dock è la possibilità di  navigare le cartelle all’interno delle pile.

Safari 4 non è una novità per chi aveva già installato la beta.

Un giudizio finale sicuramente positivo per questo aggiornamento che chiude l’era dei PPC portando rapidità e piccole innovazioni legate all’amichevolezza dell’interfaccia grafica senza creare nessuno di quei tipici problemi da upgrade.

bye!

3 pensieri riguardo “Snow Leopard, prime impressioni

  1. I believe in every one of the strategies you could have displayed on your post. They are pretty begging all of which will surely perform. Nonetheless, the particular posts are quite fast for starters. Might just you want increase all of them somewhat by pursuing period? Appreciation for the write-up.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...